Il Buttafuoco storico ambasciatore dell’Oltrepo Pavese a Milano

11 feb , 2019 News

Il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, Gian Marco Centinaio esordisce di fronte ad una sala gremita di giornalisti, operatori e wine lovers dicendo: “L’obiettivo è far conoscere il vino Buttafuoco Storico, che rappresenta l’eccellenza dell’Oltrepò Pavese. Mi piace che non si tratti solo di un vino o di un’azione meramente commerciale, ma di un progetto pluriennale che coinvolge territorio e turismo”. Il Ministro ha chiuso il suo intervento augurando il più sincero in bocca al lupo al Club.

La conferenza stampa, tenutasi venerdì scorso a Palazzo Bovara, Milano, in occasione del 23esimo compleanno del Club del Buttafuoco Storico, ha visto succedersi gli interventi delle istituzioni e dei personaggi coinvolti nella valorizzazione dell’Oltrepò Pavese e del Consorzio. Sul palco il Presidente del Club Buttafuoco Storico Marco Maggi, che dice: “Vogliamo creare qualcosa di importante per far parlare di noi e del nostro territorio. Tutto è nato da 11 produttori che nel 1996 hanno risvegliato un uvaggio ormai perso. Oggi abbiamo raggiunto uno dei primi obiettivi, il 23esimo compleanno non è un traguardo ma un punto di partenza che, con il nostro grande entusiasmo e con la vicinanza delle istituzioni, ci fa credere sia davvero il momento giusto per galoppare”.

Il dibattito è stato moderato da un Gene Gnocchi ilare e spiritoso, che ironizza: “Sono stato fermato dalla polizia, ma quando hanno capito che avevo bevuto Buttafuoco Storico mi hanno aggiunto 2 punti sulla patente”. Dagli interventi è emerso che la chiave del successo del Club Buttafuoco Storico è stata l’unione dei suoi produttori, la condivisione di valori e intenti che ha portato negli anni a risultati concreti. Ora è tempo di diffondere questo modello in tutto il territorio, promuoverne le ricchezze favorendo il turismo.

Un progetto condiviso e supportato anche dalle istituzioni presenti che hanno ribadito il loro sostegno alle iniziative del Club. Presente per l’ERSAF – Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste, il Presidente Alessandro Fede Pellone che ha dichiarato: “ERSAF ha la vocazione di aiutare i territori lombardi non solo dal punto di vista vitivinicolo, quindi l’Oltrepò Pavese che merita un’importante riqualificazione. Oggi voglio dire al Club del Buttafuoco Storico e al suo territorio che noi ci siamo”. Fabio Rolfi, Assessore Regionale lombardo all’Agricoltura interviene dicendo: ”La Regione Lombardia sta lavorando affinchè il territorio dell’Oltrepò possa avere una voce unica, per avere più peso sia nei rapporti istituzionali sia sui mercati esteri. Aiuteremo l’Oltrepò Pavese a sprigionare le sue straordinarie potenzialità”.

,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *